Come aumentare i guadagni con Adsense

google adsense money

Come aumentare i guadagni con Adsense

0

Adsense è la “controparte” del sistema Adwords, che permette di inserire della pubblicità dentro al nostro sito in modo da guadagnarci un piccolo ricavo (spesso sufficiente per rientrare con le spese di gestione del sito).

A volte però, succede che non facciamo tutto il necessario per aumentare il guadagno: esistono infatti moltissimi fattori che vanno da problemi di ottimizzazione in fatto di posizione nella pagina, a problemi di gestione dei blocchi pubblicitari che possono seriamente influenzare il nostro introito.

Per chi non l’avesse fatto, consiglio la lettura di questi due articoli:

Dove inserire i blocchi pubblicitari

La cosa migliore sarebbe inserire i blocchi all’inizio di ogni articolo, a metà, o magari alla fine. Ad ogni modo, fra il contenuto principale della pagina o vicino alle immagini (spesso la gente è la prima cosa che guarda una volta aperta la pagina).

E’ da evitare invece, il posto affianco all’ header e nella sidebar in quanto ormai vengono tranquillamente ignorate.

Camouflage

Cercare di camuffare gli annunci Adsense potrebbe essere pericoloso in quanto rischiereste di venire bannati permanentemente da Google Adsense.

Ciò non toglie che potete comunque:

  • Togliere i bordi (o metterli dello stesso colore dello sfondo),
  • Usare lo sfondo del colore della pagina.

Evitate di usare gli “headings” (titoli) per le vostre sezioni pubblicitarie, per minimizzare la possibilità di ban (si arrabbiano parecchio se scrivete qualcosa tipo “Potrebbe interessarti:” o roba simile).

I blocchi

Non è un segreto: i blocchi che ci permettono di guadagnare di più sono del formato:

  • 336×280 Large Rectangle
  • 300×250 Medium Rectangle
  • 160×600 Wide Skyscraper

Nonostante siano i blocchi che permettono di guadagnare di più, cercate sempre di usare quelli adatti evitando di infilarceli per forza.

Inoltre il primo blocco caricato è quello con gli annunci che ci fanno guadagnare di più (CPC: Cost-Per-Click) e quindi dovreste assicurarvi che quello con maggior CTR (ClickThrough Rate – che viene cliccati più spesso, in parole povere) viene caricato per primo.
Vedrò fra qualche giorno di dedicare un’articolo proprio a questo problema (lascia un commento in caso non aggiorno questo articolo, grazie! :)).

Alcuni consigli su come guadagnare di più con adsense.

Alcuni consigli su come guadagnare di più con adsense.

Proviamo le combinazioni

Non sempre esistono delle linee guida che valgono per tutti i siti: la miglior cosa è quella di sperimentare, modificare, editare, aggiornare e vedere qual’è la combinazione migliore per il nostro sito.

Consigli ufficiali

Adsense ci permette di ricevere aggiornamenti e consigli generali e/o personalizzati per migliorare il rendimento del vostro account.

Per attivare la mailing list:

  • Accedi al tuo account adsense,
  • Clicca a sinistra su Impostazioni personali,
  • Clicca su modifica
  • Clicca i primi due box:
    • Guida personalizzata e suggerimenti sul rendimento
    • Newsletter periodiche con suggerimenti e best practice

Infine:

Riportiamo (tradotto in italiano, per la vostra felicità) una checklist ufficiale:

  • Si possono posizionare al massimo 3 blocchi pubblicitari(uno solo da 300×600), tre blocchi pubblicitari testuali e fino a 2 box di ricerca.
  • Usate le dimensioni di blocchi consigliate.
  • Utilizzate sia i blocchi testuali, che quelli multimediali.
  • Sperimenta più combinazioni di colori
  • Assicurati l’ ottimizazione della posizione – Questo ha grande importanza per il guadagno.
  • Aggiungi un box di ricerca ( o due) – ovviamente di Google
  • Fai in modo che all’ utente piaccia il tuo sito e abbia un’ottima UX (User eXperience)
  • Il primo blocco caricato è quello che ci permette di guadagnare di più a click: cerca di fare in modo che venga caricato per primo.
  • Fai in modo che il crawler di Adsense riesca a scansionare bene il tuo sito
  • Il web mobile stà evolvendo a livelli impressionanti, offri una soluzione mobile del tuo sito.
  • Crea una pagina Google+ per connetterti ai tuoi utenti

Potete leggere questi ultimi consigli ufficiali, direttamente da quì e il continuo quì.

E voi? Avete qualche consiglio aggiuntivo? 🙂

About the Author

Federico PonziStudente, Webmaster ed appassionato di tutto ciò che è informatico con una spruzzata di scienza.View all posts by Federico Ponzi

Leave a Reply