Come deframmentare Windows 8

Deframmentare Windows 8

Come deframmentare Windows 8

0

La deframmentazione è un’ operazione fondamentale che ci permette di ottimizzare la velocità complessiva del sistema e dei programmi.

Su Windows XP, dovevamo deframmentare almeno una volta al mese se non volevamo essere vittime di rallentamenti pazzeschi del sistema, su Windows 8 rimane comunque una buona pratica che ci permette di migliorare l’efficenza generale.

E’ comunque consigliato effettuare la deframmentazione di Windows 8 almeno una volta al mese, in modo che ogni deframmentazione successiva, non duri troppo tempo.

La deframmentazione è infatti una pratica che spesso richiede molto tempo per essere eseguita.

Come Deframmentare Windows 8

Vediamo quindi come deframmentare windows 8:

  1. Muovete il mouse a lato dello schermo, e cliccate su impostazioni.
  2. Dopo di che, cliccate su Pannello di controllo.
  3. Potete effettuare una ricerca usando il box in alto a sinistra, in alternativa potete andare su Sistema e Sicurezza, e poi cliccare in basso su Deframmenta e ottimizza unità.
Potete usare il box in alto a sinistra, oppure cliccare su Sistema e sicurezza e poi su Deframmenta e ottimizza unità.

Potete usare il box in alto a sinistra, oppure cliccare su Sistema e sicurezza e poi su Deframmenta e ottimizza unità.

Dalla pagina che vi si apre, potete selezionare quale disco analizzare e deframmentare.
Normalmente, l’unità da ottimizzare è quella dove risiedono i nostri programmi: solitamente “Windows (C:)“.

Quello che dovrete fare adesso, è:

  1. Cliccare sull’unità da deframmentare
  2. Cliccare su Analizza
  3. Se ce ne è bisogno, cliccare su Ottimizza.

Una volta cliccato Ottimizza, il sistema comincerà a deframmentare l’ unità: asseconda di quando l’avete fatto l’ ultima volta e dalla potenza del vostro computer, potrebbe volerci da minuti a ore di tempo.

 

About the Author

Federico PonziStudente, Webmaster ed appassionato di tutto ciò che è informatico con una spruzzata di scienza.View all posts by Federico Ponzi

Rispondi