[Galaxy Camera] Come ottenere permessi da Root

01 Samsung Galaxy Camera

[Galaxy Camera] Come ottenere permessi da Root

0

Ecco una guida su come ottenere i permessi da utente Root sulla vostra Samsung Galaxy Camera.

Nonostante non sia propriamente un cellulare, la Samsung Galaxy Camera monta un sistema operativo Android e per questo motivo è possibile a tutti gli effetti diventare root del dispositivo.

Come sempre a creare tutto il materiale necessario ci hanno pensato i ragazzi di XDA e, seguendo i procedimenti riportati di seguito, potrete guadagnare i permessi Root sulla vostra Samsung Galaxy Camera: questo procedimento comunque, potrebbe portare brickkare il vostro dispositivo (non permettendone la riaccensione) seguite il procedimento solo se sapete quello che state facendo oppure non seguitelo.

Prima di cominciare, se non lo avete già fatto, dovrete avere i drivers della Galaxy Camera installati nel pc: in parole povere dovete avere installato Kies.

Quello che avremo bisogno poi, oltre ai Drivers, è il CF-Auto-Root che trovate quì, e Odin3 v3.04 che invece trovate quì.

  1. Una volta scaricato il CF-Auto-Root, estraetelo sul desktop e avrete un file chiamato CF-Auto-Root-gd1-ekgc100.tar.md5
  2. Estraiamo e avviamo Odin
  3. Spegniamo la nostra fotocamera e la riaccendiamo in modalità Download tenendo premuti i tasti Volume Giù + Camera + Tasto Power insieme. Colleghiamola al computer.
  4. Ora sul vostro Odin dovreste avere un messaggio con scritto “Added!!” in basso a sinistra, se non è così vuol dire che probabilmente non avete i drivers giusti ( Oppure avete un cavetto difettoso).
  5. Da Odin, cliccate su PDA e selezionate il file precedentemente estratto; assicuratevi che la casella “Re-Partition” non sia flaggata e cliccate su Start
  6. Se tutto è andato a buon fine, avrete una scritta “Pass” con sfondo verde: in caso contrario, rimuovete la batteria e riprovate dal punto 3
  7. Accendi il tuo Samsung Galaxy Camera con permessi da Root

About the Author

Federico PonziStudente, Webmaster ed appassionato di tutto ciò che è informatico con una spruzzata di scienza.View all posts by Federico Ponzi

Leave a Reply