Google ricorda l’incidente di Roswell con un doodle

Roswell Daily Recor

Google ricorda l’incidente di Roswell con un doodle

0

Quest’oggi Google ha ricordato uno degli eventi più curiosi della storia. In occasione del sessantaseiesimo anniversario dell’evento, l’azienda di Mountain View mette a disposizione un divertente giochino, nel quale un alieno schiantatosi sulla Terra deve recuperare i pezzi della sua astronave per poter così ripartire verso lo spazio!

COSA SUCCESSE A ROSWELLRoswell_Crash_1947

L’evento avvenne l’8 luglio 1947 in prossimità della cittadina di Roswell (Nuovo Messico, USA). Quel giorno un pallone sonda di proprietà della United States Air Force si schiantò al suolo. Ciò che rese famoso l’evento fu il dubbio che a schiantarsi fosse stato un UFO, anzichè il pallone sonda americano, con tanto di immediato prelievo di corpi dell’equipaggio alieno e dei frammenti del mezzo da parte dell’esercito statunitense. Ad alimentare la storia fu anche il primo comunicato della base aerea di Roswell, nel quale si parlava proprio di un ‘disco volante’. Questo andò a collegarsi alla presunta attività aliena che gli ufologi e i media avevano diffuso pochi giorni prima dello schianto, il 2 e 3 luglio. Il caos portò all’apertura di indagini, che culminarono in due relazioni:

The Roswell Report: Fact versus Fiction in the New Mexico Desert [anno 1995]: i materiali recuperati facevano parte di un programma segreto del governo denominato Progetto Mogul, questo utilizzava dei microfoni collegati a palloni sonda che viaggiavano ad alta quota. I palloni avrebbero dovuto rilevare le onde sonore provocate da eventuali missili balistici sovietici o test di esplosioni nucleari nell’atmosfera. Il pallone sonda caduto sarebbe il numero 4. Nessun alieno, semplicemente la Guerra Fredda.

The Roswell Report: Case Closed [anno 1997]: i corpi dei presunti alieni erano dei manichini antropomorfi usati nei programmi militari, come successe anche nel Project High Dive del 1950, e gli effetti psicologici della vicenda sarebbero andati a generare confusione negli eventi temporali, dando inizio alla storia degli alieni e del loro schianto nel Nuovo Messico.

Nonostante questo, molti sostenitori degli UFO continuano a rinnegare queste conclusioni.

About the Author

Stefano BracottoRagazzo di Torino con la passione per il giornalismo e l'informatica.View all posts by Stefano Bracotto

Leave a Reply