Samsung: 3 nuovi tablet per tutta la famiglia

Samsung Revealed Galaxy Tab 3

Samsung: 3 nuovi tablet per tutta la famiglia

0

Samsung rinnova la sua posizione sul mercato con tre nuovi tablet: Galaxy Home Tab 3. I nuovi prodotti si basano, come sempre, su delle ricerche statistiche. Queste sono state condotte anche in Italia ed il risutato è stato che tutti conoscono il tablet, ma di chi lo possiede: il 51% lo usa tra le mura domestiche, il 40% per i viaggi ed il 26% per gli spostamento quotidiani.

Il colosso koreano ha voluto accontentare tutti, proponendo tre diverse versioni:galaxy-tab-3-7-pollici

  • Baby [229 €]: E’ il più piccolo, possiede uno schermo da 7 pollici (risoluzione 1024×600 pixel e 169 PPI), processore dual core da 1.2 Ghz e 1 GB di RAM. La memoria interna è disponibile da 8 o 16 GB ed è espandibile fino a 64 con le microSD. Pesa circa 305 grammi ed è piccolo. La batteria integrata è da 4.000 mAh.
  • Junior [329 €]: Il fratello più grande ha uno schermo da 8 pollici (1280×800 pixel e 189 PPI), un processore dual core da 1.5 Ghz, 1,5 GB di RAM e una memoria interna da 16 o 32 GB. Questo modello dispone anche di una fotocamera frontale da 1,3 Megapixel e una posteriore da 5 Megapixel. La batteria è da 4.450 mAh.
  • Senior [369 €]: Il più grande monta uno schermo da 10,1 pollici (1280×800 pixel e 149 PPI), il processore dual core arriva a 1,6 Ghz, 1 GB di RAM e memoria interna da 16 o 32 GB anch’esso. La fotocamera frontale di questo modello è da 1,3 Megapixel, ma quella posteriore dispone solo di 3 Megapixel. Integra una batteria da 6.800 mAh.

Tutti e tre i modelli usciranno a settembre e gireranno con un Android 4.1. In dotazione ci sarà anche un abbonamento gratuito al Corriere della Sera e alla Gazzetta dello Sport Digital Edition 2.0. La versione digital del settimanale di Topolino sarà disponibile invece per i primi 6 mesi.

Si potrà usufruire, inoltre, di 50 GB di archiviazione cloud gratuita per due anni su Dropbox.

About the Author

Stefano BracottoRagazzo di Torino con la passione per il giornalismo e l'informatica.View all posts by Stefano Bracotto

Leave a Reply